Norme tecniche di Attuazione degli agglomerati Asi di Pomigliano, Acerra, Foce Sarno, Casoria-Arzano-Frattamaggiore, Giugliano-Qualiano

Norme tecniche di Attuazione Agglomerato industriale di Nola

Norme tecniche di Attuazione Agglomerato industriale di Caivano

 

Il Consorzio ha lo scopo di favorire il sorgere di nuove iniziative industriali nella circoscrizione provinciale, ed in particolare nell'ambito del comprensorio consortile che comprende 67 Comuni della Provincia di Napoli, nei cui territori ha validità il Piano Regolatore dell'Area di Sviluppo Industriale di Napoli, con efficacia di Piano Territoriale di Coordinamento, ai sensi dell'art. 5 della legge 17-81942 n. 1150 e precisamente:

Afragola - Arzano - Acerra - Bacoli - Boscotrecase - Boscoreale - Brusciano - Caivano - Calvizzano - Camposano - Cardito - Casalnuovo - Casamarciano - Casandrino - Casavatore - Casoria - Castellammare di Stabia - Castello di Cisterna - Cercola - Cicciano - Cimitele - Comiziano - Crispano - Ercolano - Frattamaggiore - Frattaminore Giugliano - Gragnano - Grumo Nevano - Liveri - Marano - Mariglianella - Mariglaino - Melito - Monte di Procida - Mugnano di Napoli - Napoli - Nola - Ottaviano - Palma Campania - Pollena Trocchia - Pomigliano d'Arco Pompei - Portici - Pozzuoli - Qualiano - Quarto Flegreo - S Gennaro Vesuviano - S. Anastasia - S. Maria La Carità . Antimo - S. Antonio Abate - S. Vitaliano - Saviano - Scisciano - Somma Vesuviana - Terzigno - Torre del Greco - Trecase - Vico Equense - Villaricca – Volla

l Piano Regolatore dell'ASI di Napoli prevede localizzazioni industriali in 7 agglomerati:

1) ACERRA
2) CAIVANO
3) CASORIA-ARZANO-FRATTAMAGGIORE
4) FOCE DEL SARNO
5) GIUGLIANO-QUALIANO
6) NOLA-MARIGLIANO
7) POMIGLIANO D'ARCO

(Modificate a seguito delle asservazioni formulate dal Comitato dei Ministri per il Mezzogiorno e delle prescrizioni contenute nel Decreto del Presidente del Cosiglio dei Ministri del 14 Ottobre 1968 - Deliberazione del Comitato Direttivo del Consorzio n.61 del 12 Novembre 1968).

(Modificate a seguito delle variazioni approvate dal Presidente della Regione Campania con Decreti n. 1919 del 27 - 3 - 75, n. 2357 del 6 - 5 - 75, n. 00295 del 21 - 1 - 82 e n. 16144 del 6 - 10 - 1987.